- MENU -
HOME

Biografia

Ennia Pallini "Margherita"

Galleria Fotografica

Art Gallery

Mondo Piccolo

Bibliografia

Galleria Internazionale Copertine

Brescello

Guareschi

Biografia

22 luglio 1968: Cervia - il congedo del galantuomo

Guareschi muore a Cervia per un infarto cardiaco. Il giorno del suo funerale la bandiera con lo stemma reale lo accompagna al cimitero di Roncole.

Il nostro amico Guareschi riposa nel piccolo cimitero di Roncole Verdi nella nuda terra. La terra dalla quale egli era venuto e che aveva tanto amato, la terra come entità viva e reale, la terra fatta di zolle, di prati, di campi arati, quella che a noi, gente di pianura, viene voglia di baciarla tanto è pregna di umori fecondi e benefici. Posso capire questa sua scelta: Guareschi è venuto dalla terra e alla terra ha voluto tornare, anzichè essere chiuso in una gelida lastra di cemento. Perchè la terra fa più lieve il peso della morte, ed è come se egli potesse vivere e respirare ancora (Baldassarre Molossi).

Io sono un'annosa pianta con molti rami spezzati ma col tronco saldamente radicato nella terra, e ho superato facilmente tante bufere. Posseggo un grosso capitale che nessuna inflazione, nessuna rivoluzione potrà mai portarmi via: il ricordo vivo di una giovinezza intensamente vissuta e mai tradita.

 

Precedente

 

 

 

 

Sandbostel, maggio 1944: ritratto di Guareschi eseguito da Arturo Coppola

 

Firma di Guareschi: "Fine di una storia che non finisce mai"