- MENU -
HOME

Biografia

Ennia Pallini "Margherita"

Galleria Fotografica

Art Gallery

Mondo Piccolo

Bibliografia

Galleria Internazionale Copertine

Brescello

Guareschi

Biografia

1954: la vicenda del "Ta-Pum del Cecchino" (il processo De Gasperi)

Il 20 e 27 gennaio 1954 Guareschi pubblica su Candido le fotocopie di due lettere firmate "De Gasperi": la prima, dattiloscritta, reca la data del 19 gennaio 1944 e invita il comando inglese di Salerno a rifornire di armi i partigiani e ad effettuare bombardamenti aerei sugli obiettivi militari della periferia di Roma allo scopo di "infrangere l'ultima resistenza morale" della popolazione; la seconda, scritta interamente a mano e datata 26 gennaio 1944, avverte un non meglio identificato capo partigiano che gli aiuti sarebbero giunti presto e che "da Salerno" si attendeva "il colpo di grazia".

Nei primi giorni di febbraio De Gasperi querela Guareschi. Lo scrittore consegna al Tribunale di Milano le due lettere che gli erano state fornite da Enrico De Toma, accompagnate da una perizia calligrafica che però non viene tenuta in considerazione dalle autorità giudiziarie.

Il 15 aprile viene condannato a dodici mesi per diffamazione. Non ricorre in appello e il 26 maggio entra nel Carcere San Francesco di Parma. Non chiede grazie o agevolazioni; non usufruisce di condoni. Durante la sua incarcerazione gli viene assommata la pena della precedente condanna (vedi processo Einaudi).

Nel 1953, inciampo contro un pezzo grosso e mi farò, nel carcere San Francesco di Parma, tredici mesi di galera: e, a onor del vero, riceverò un trattamento che solleticherà molto il mio orgoglio perchè mi vedrò considerato alla stregua dei più stimati professionisti in rapine, furti con scasso, violenze carnali, omicidi eccetera.

Libertà è dovunque vive un uomo che si sente libero.

dicembre: esce il Corrierino delle famiglie, che racconta le avventure letterarie della famiglia Guareschi [personaggi principali: Giovannino (l'autore), Margherita (la moglie Ennia), la Pasionaria (la figlia Carlotta), Albertino (il figlio Alberto)].

Si tratta spesso di lettori del Corrierino delle famiglie: papà e mamme che ritrovano in quelle cronachette se stessi e i loro ragazzi. Mi dicono che Amleto va bene, che io sono come mi pensavano ma un po' più piccolo, che Margherita, molte volte, dimostra di avere più spirito di me. Domandano come sta Albertino e chiedono di conoscere la Pasionaria.

Durante la sua incarcerazione Guareschi riceve la notizia della morte di De Gasperi (9 agosto 1954, Sella di Valsugana, Trento), alla quale risponde con le seguenti parole:
Io son qui, muto e solitario, seduto sulla riva del fiume. Ma non aspetto che passi il cadavere del mio nemico. Non considero nessuno mio nemico. Nessuno è riuscito a suscitare il mio odio! Io aspetto solamente che passi il cadavere di un anno di vita perduta. E se, frattanto, passa qualche altro cadavere, nè mi rallegro nè mi angustio. Non mi riguarda: è Dio che regola queste faccende e Dio non sbaglia mai. Il mio cuore è sgombro e leggero.

 

Precedente - Successiva

 

 

 

 

 

Vignetta Guareschi in catene

 

Vignetta Guareschi entra nel "carcere della Repubblica"

 

Parma, maggio 1954: Guareschi entra nel Carcere San Francesco di Parma

 

La famiglia Guareschi

 

Il Corrierino delle Famiglie