- MENU -
HOME

Biografia

Ennia Pallini "Margherita"

Galleria Fotografica

Art Gallery

Mondo Piccolo

Bibliografia

Galleria Internazionale Copertine

Brescello

Guareschi

Biografia

1943 - 1945: la prigionia

Nel 1943 Giovannino Guareschi viene fatto prigioniero dai tedeschi nella caserma di Alessandria.
Inizia con l'arresto una lunga serie di spostamenti da un campo di prigionia all'altro, dalla Germania alla Polonia.

Durante la sua prigionia, nel 1944, viene pubblicato il suo romanzo Il marito in collegio. Ma è grande la fame e tanti gli stenti che Guareschi deve affrontare ogni giorno, che la pubblicazione del libro lo lascia quasi indifferente visto che le pagine non gli risultano commestibili.

Da una lettera di Giovannino prigioniero alla famiglia scritta nel febbraio del '43:

Continuo a scrivervi senza speranza di risposta e a dirvi le solite cose: che sono senza vostre notizie da settembre e senza notizie di Pino (e senza pacchi) da luglio.
Sto discretamente bene di salute ma l'inverno è freddo. Sono terribilmente stanco di attendere invano un vostro cenno di vita. I miei sonni sono agitati, la mia miseria fisica è immensa. Mi sembra impossibile che questo tremendo incubo possa finire. Sono qui in attesa di essere mandato al lavoro obbligatorio, come vengono mandati tutti gli altri. La guerra non accenna a finire e solo Dio potrà aiutarmi in questa dolorosa prova che sarà la più dolorosa di tutte oltre al resto anche per la mia salute. Penso con tristezza ai miei bambini. Oggi Carlotta compie 15 mesi e io non la conosco ancora. La vedrò? Vi rivedrò? Dio solo lo sa. Abbiate fede e pazienza. Come tirate avanti? Soffrite la fame?

Viene rimpatriato il 29 agosto del '45 e arriva a Parma il 4 settembre dello stesso anno.

Dopo il rientro a Marore, dove la famiglia era stata sfollata durante la guerra, i Guareschi si trasferiscono ancora una volta a Milano.

Nel 1945 pubblica La favola di Natale, favola nata durante la prigionia.

In quest'anno fonda il settimanale Candido insieme a Mosca e Mondaini. Guareschi e Mosca restano coredattori del Candido fino al 1950, anno in cui Mosca viene allontanato da Rizzoli e in cui Guareschi ne rimane alla guida da solo fino al 10 novembre 1957, quando gli subentrerà Alessandro Minardi.

Precedente - Successiva

 

 

Guareschi nal lager di Czestokowa, Polonia.
Settembre 1943
Lager di Sandbostel,
Germania 1944

Lager di Sandbostel,
Germania 1944

Lager di Sandbostel,
Germania, maggio 1944

Guareschi,
Parma, settembre 1945.