- MENU -
HOME

Biografia

Ennia Pallini "Margherita"

Galleria Fotografica

Art Gallery

Mondo Piccolo

Bibliografia

Galleria Internazionale Copertine

Brescello

Guareschi

Biografia

1928 - 1936: a Parma, il giornalismo e l'incontro con "Margherita"

Nel luglio del 1928 Giovannino Guareschi ottiene la maturità classica. Inizia anche a correggere le bozze per il Corriere emiliano, che ha assorbito la Gazzetta di Parma.

Nel '29 si iscrive alla facoltà di legge dell'Università di Parma, vi rimane iscritto sino al 1931 per poter rimandare il servizio militare.
Nello stesso anno viene assunto dal Corriere Emiliano.

Dal '29 al '31 svolge molti lavori, tra cui il portiere stagionale presso uno zuccherificio, il realizzatore di xilografie, l'incisore su linoleum, l'istitutore al "Maria Luigia".
Realizza anche articoli e illustrazioni per diverse testate della zona, firmandosi prima come "Michelaccio", poi come "Petronio".

Nel 1931 viene assunto come aiuto cronista al Corriere Emiliano, fino a diventarne capo cronista.
Verrà poi licenziato nel 1935 per esubero di personale.
Si trasferisce anche da Marore a Parma, affittando una vecchia soffitta.
Nel corso del '31 e del '32 collabora a diverse testate come Sua Maestà il Carnevale, Selvaggio, Bazar, Numerunico, La Cometa.

Nel 1933 conosce Ennia Pallini, sua futura moglie e compagna preziosa per tutta la vita.

Ennia fa la commessa in un negozio di scarpe in città. Ha una splendida chioma rossa, occhi fiammeggianti e un carattere molto volitivo. Ennia sarà 'Margherita', la mia compagna, nel bene e nel male, nei miei libri e nella vita.

Nel 1934 parte per Potenza per il servizio militare, durante il quale collabora al numero unico Macpizero con L'epistolario amoroso del soldato Pippo.
Dal '34 al '36 ancora numerose sono le collaborazioni con scritti o disegni alle testate giornalistiche, tra cui quelle a Secolo Illustrato, alla Domenica del Corriere e al Cinema Illustrazione.

Precedente - Successiva


 

 

 

Giovannino e Ennia. Parma, 1935

 

Guareschi e la famiglia

 

Guareschi e Ennia ad Assisi.